Gusto

Linda Ferrari: Il Muffin

Durante l’epoca vittoriana, per le strade di Londra comparve una nuova figura : l’uomo dei Muffins…

In queste strade, si incontrava il “Muffin men”, un designer pasticcere che, con un vassoio di legno appeso al collo vendeva nei pomeriggi londinesi un gioiello dolce/salato a forma di Muffin

Così, il bisnonno di Linda Ferrari, costruiva casette di cioccolato e meringhe a forma di fungo ricoperte di cacao, grandi come una spanna.

A ricordare Linda, artista e designer, è la nonna: gli odori, i sapori, i mobili del negozio, le mani di suo padre.

Il nonno pasticcere a Brescia, durante la seconda guerra mondiale. Dove scarseggiava il cibo, racconta sua nonna, i dolci non scarseggiavano mai. E memore di questi ricordi, Linda ha immaginato l’arte della cucina dolciaria.

La sua arte è fiabesca. Ritrovarmi nella sua cucina è stato come immergermi in un’ illustrazione raccontata da Tim Burton. Osservando un suo dipinto, Linda Ferrari mi racconta l’evoluzione Burtoniana… noi, esseri umani. “esperimento”, facenti parte di una specie evoluta nell’universo, ma di passaggio su questa terra.

Linda, attraverso il Muffin, mi consegna la chiave della sua opera: https://www.drunkenrabbit.it/

Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.

“Così mia nonna mi illustrò un libro di ricette culinarie.”Linda Ferrari mi svela, si svela. “In questo libro non esistono grammi o quantità… bensì, come nelle fiabe, un po’ di quello, quel che basta dell’altro, e pizzichi qui e pizzichi la…Alcune volte cerco di pensare a sei cose impossibili prima di fare colazione…”

Il tempo è sempre bizzarro nei sogni, e qui, nella cucina di Linda è un filo di lana…

Che differenza c’è tra un merlo e una scrivania ? Il sapore di un Muffin può darti molte risposte. Linda ha la sua risposta: ci ha messo, nell’impasto, delle gocce di cioccolato…

“Solitamente per far lievitare i dolci si utilizza il lievito, oppure se si vuole seguire l’onda -healthy cremor tartaro-  con il bicarbonato. Per renderli più “fluffy”, metto sia lievito che bicarbonato. Non bisogna risparmiare sulle gocce di cioccolato, mai. Se le ricette vi consigliano 100 grammi, voi mettetene 150, e non dimenticatevi, ad impasto versato nello stampino, di mettercele anche sopra, le gocce, fatele piovere ovunque!

Farina, zucchero, sale (non siate parchi se vi piace sentire sale e cioccolato insieme sul palato), latte (di mucca, perché, non prendiamoci in giro, se vogliamo che sia buono dobbiamo usare quello), uova, vanillina ed infine (non in quest’ordine, ma non siamo qui per raccontarvi ricette) tanto, tanto tanto burro!”

Per quanto tempo è per sempre? A volte, solo un secondo…

Quello che basta per masticare il primo morso di un Muffin , ma per Linda “per sempre” è un filo di lana che, simboleggiando un cordone ombelicale, alimenta i nostri ricordi.

Un cuore, un filo, una chiave, un Muffin, ecco il mondo di Linda: chiavi di lettura per conoscerla.

Artista poliedrica :orafa, illustratrice, esteta, body painter, pasticcera e performer multimediale. I suoi movimenti sono spazio/temporali. Vedo Linda in cucina, mentre lei in un bosco cammina.

Linda Ferrari
Linda Ferrari

Linda inconsciamente cammina sempre, anche in cucina. Cammina, inseguendo quell’eco familiare sospeso in uno specchio…Linda sull’altalena, riflessa in uno stagno, disegna cassettiere Daliniane.

Così, il bisnonno di Linda Ferrari, costruiva casette di cioccolato e meringhe a forma di fungo ricoperte di cacao.

©AndrejMussa

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più
Close