CulturaItinerariNewsTurismo

Ravello ricorda Pasolini, ripercorrendo “La lunga strada di sabbia”

Giovedi 8 agosto

Ravello ricorda Pasolini 60 anni dopo: 8 agosto si ripercorre “La lunga strada di Sabbia”

«Non riesco a staccarmi da questo angolo di cielo: un luogo deputato all’estasi». Così Pier Paolo Pasolini, nel luglio del 1959, terminava il racconto del suo viaggio a Ravello, descritto con grande trasporto nel reportage “La lunga strada di Sabbia“, pubblicato in tre puntate dalla rivista “Successo”.

Al volante della sua Fiat Millecento, lo scrittore realizzò un vero e proprio racconto del paese, teso tra cambiamento e tradizione, vacanza borghese e residui di un dopoguerra difficile, e individuò il fenomeno nascente del turismo di massa, che colpirà le spiagge sin dagli anni Sessanta. Un testo di grande bellezza che continua a colpire per la sua profondità e poesia.

Dopo sessant’anni esatti da quel passaggio di forte impatto emotivo, la Città della Musica celebra il grande intellettuale, poeta, scrittore e regista, con un incontro dal titolo “Pasolini a Ravello. La letteratura di viaggio nel cuore del Mezzogiorno dimenticato”.

Giovedì 8 agosto, dalle 19, nel salotto-giardino dell’hotel Rufolo, ne discuteranno il giornalista Andrea Manzi, lo scrittore e poeta Rino Mele e lo storico del cinema Paolo Speranza. Le conclusioni sono affidate al sociologo Domenico De Masi.

L’evento, promosso da “Il Vescovado” con il patrocinio dell’Assogiornalisti Cava de’ Tirreni-Costa d’Amalfi, sarà moderato da Emiliano Amato.

Non mancherà un approfondimento sul ritorno del poliedrico Pasolini a Ravello undici anni più tardi per le riprese di un episodio del suo “Decameron”.

Redazione

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più
Close