Comunicati StampaCronacaNews

Pride 2022 a Milano e a Napoli

3 luglio 2022

“I diritti degli uomini devono essere di tutti gli uomini, proprio di tutti, sennò chiamateli privilegi”: così il sindaco di Milano Giuseppe Sala che, dal palco del Pride, citando il compianto Gino Strada, ha annunciato che da ieri è stato riattivato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali.

Un mondo senza conflitti lo chiedono anche gli attivisti arrivati nel capoluogo lombardo dalla Russia e dall’Ucraina per partecipare al Pride. “In questo momento a causa della guerra non possiamo cooperare con gli attivisti russi, ma li supportiamo perché si battono contro il regime di Putin” spiega Olena Shevchenko, leader di Inside, arrivata da Kiev. “Per noi è molto importante supportare i rifugiati e ricordare che i temi Lgbt sono nell’agenda del nostro Paese che, prima della guerra, aveva raggiunto molti risultati per la comunità”.

“Si deve lottare ancora per la completa applicazione dell’uguaglianza delle persone come scolpito in Costituzione, soprattutto di fronte a un Parlamento che non ha la volontà di prevedere diritti per coloro che ne sono ancora privi”, dice Luigi de Magistris, ex sindaco di Napoli, sceso in piazza ricordando che Napoli “è città dei diritti e delle libertà civili”.

Antonello Sannino , presidente Antinoo Arcigay Napoli: “ È stato un NapoliPride senza precedenti, persino la Questura, che ha svolto un grande lavoro, ha dato cifre di partecipazione triple rispetto al passato. Si parla, per noi organizzatori e tra i vari movimenti, di circa 200 mila persone che hanno interagito e partecipato al Pride. Dalle 15, inizio del concentramento a Piazza Municipio, fino alla conclusione del palco artisti a mezzanotte, è stata una lunga onda Rainbow, semplicemente eccezionale per partecipazione e qualità.

Sul palco la madrina Bianca Guaccero, Valeria Marini, due vincitori di Sanremo, Alexia e Marco Carta, due di amici, tanti artisti locali e nazionali, da Rosario Miraggio a PriscillaDrag. Grande, come sempre. il direttore artistico Diego Di Flora. E’ bello sottolineare, ancora una volta, che tutti gli artisti si sono esibiti senza cachet, a differenza di ciò che succede altrove.

Napoli città di diritti. Un plauso speciale all’assessore Emanuela Ferrante, bravissima e sempre con noi e agli Assessori Luca Trapanese  e Antonio De Iesu, ma soprattutto al Sindaco, Gaetano Manfredi. In piazza anche Antonio Bassolino e Luigi de Magistris. Lasciatemelo dire è bellissima anche questa “staffetta” istituzionale, è un dono prezioso, un riconoscimento enorme per noi e per la Città tutta.

Napoli città dei diritti, Gaetano Manfredi, sindaco in prima linea per i diritti civili, come testimonia la bellissima foto di San Giacomo rainbow e il nostro meraviglioso striscione Napoli Pride sul Palazzo di Città. Importantissimo e coraggioso anche l’intervento del U.S. Consulate General Naples che riconosce il ruolo attivo di Arcigay Napoli, ma soprattutto si ribadisce con determinazione la volontà propositiva, da parte del Governo degli Stati Uniti, di avanzamento sui diritti civili e di reazione e opposizione, in linea con le parole e l’azione dello stesso Presidente Biden, alla sentenza inaccettabile della Corte Suprema sull’aborto. Non era facile intervenire con la guerra in Ucraina e la sentenza sull’aborto, invece ritengo sia stato importantissimo e prezioso l’intervento consolare. Un pride pieno di contenuti politici, di gioia, di giovani, di arte e cultura. Un Pride magico, senza precedenti. Un grazie speciale alle associazioni organizzatrici Antinoo Arcigay Napoli, Alfi Napoli Le Maree e Atn – Associazione transessuale Napoli e soprattutto a tutti i volontari e a tutte le volontarie. Grazie Napoli!”.

Maria Rosaria Voccia

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più