CronacaNewsSanitàScuola

Scuola e Sicurezza: la proposta di vaccinazione ai docenti non risolve i problemi

Il gruppo social Scuola e Sicurezza (7500 famiglie tra docenti e genitori), di cui ci facciamo portavoce in qualità di amministratrici, si domanda se la proposta di anticipazione della vaccinazione anti Covid ai docenti sia di utilità per risolvere i problemi di sicurezza nelle scuole.
Temiamo piuttosto che il dibattito sulla priorità dei vaccini ai docenti diventi il solito “fumo negli occhi” per sviare dalle problematiche di sicurezza nelle scuole.
Questo per i seguenti motivi:
1) il personale scolastico tra docenti e Ata pesa circa l’11-12% del totale tra personale e alunni. Considerando che gli alunni non potranno essere vaccinati, vaccinando docenti e Ata siamo molto distanti dell’immunità di gregge nelle aule (min 70% vaccinati).
Quindi di fatto il problema contagi tra alunni resterebbe e si rifletterebbe all’interno delle famiglie.
E probabilmente per anticipare i docenti, si andrebbe a posticipare la vaccinazione di anziani over 60 e le persone con patologie a rischio, penalizzando quindi i soggetti fragili.
2) considerando i tempi di vaccinazione, anche anticipando i docenti a marzo (sempre che nel frattempo si sblocchino le approvazioni di altri vaccini) l’immunità per i docenti forse si raggiungerebbe a chiusura dell’anno scolastico.
3) per come son strutturate le distanze in aula, con cattedra a 2mt dai banchi ma banchi ad 1mt tra rime buccali tra loro, è più probabile un contagio alunno-alunno anche in termini di numeri.
Il problema della sicurezza a nostro avviso non si risolve quindi con le vaccinazioni ai docenti. Si andrebbe a tutelare solamente la categoria, per gli alunni i problemi resterebbero invariati e gli alunni con fragilità o con familiari fragili non potrebbero comunque rientrare in aula.
*La sicurezza a scuola deve essere per tutti!*
Ed allora una buona proposta di compromesso potrebbe essere quella di anticipare la vaccinazione solamente ai docenti e personale over 60 e/o con patologie (non penalizzando gli anziani tra la popolazione generale).
Ma nel frattempo fare qualcosa anche per mettere in sicurezza tutti: da un protocollo unico nazionale gestione casi e comunicazione asl-scuola-famiglia, alla diminuzione gli alunni per aula e/o installazione di purificatori d’aria, dal ripristinare il tracciamento all’istituzione di un database serio su cui effettuare studi sulla base dei quali adottare quindi le più corrette misure.
Peraltro molte di queste misure di sicurezza sono invocate nelle scuole da anni e sono un intervento necessario al di là del contesto pandemico, per riuscire ad avere in Italia finalmente un sistema scolastico paragonabile a quelli europei.
Ecco, una proposta strutturata in tal modo la firmeremmo come gruppo oggi stesso.
(Comunicato Stampa Alice Moretti, Fosca Tarchetti e Stefania Sambataro per conto del gruppo Scuola e Sicurezza)
Redazione

Leggi tutto...

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più