AmbienteCronacaIntervisteNewsPolitica

Fonderie Pisano, Salerno: l’Intervista ad Antonio Cammarota

Sul caso “Fonderie Pisano” a Salerno, abbiamo intervistato l’avvocato Antonio Cammarota, Consigliere Comunale e Presidente Commissione Trasparenza al Comune di Salerno.

L’annosa questione delle Fonderie di Salerno, all’indomani del rinnovo AIA da parte della Regione per i prossimi 12 anni, e dell’ennesima protesta dei residenti, lei come la vede?

Sulle Fonderie Pisano, non si può affermare che provochino tumori, questo lo deve affermare la Magistratura.

Nel 2014 per la prima volta è stato concertato un tavolo istituzionale a Palazzo di  Provincia, io all’epoca ero Presidente della Commissione sulla Terra dei Fuochi , con tutte le parti, incluso il Comitato Salute e Vita, l’ARPAC, le Associazioni, i Sindacati, , gli Assessori provinciali e comunali,  i dirigenti di settore, le maestranze e i giornalisti.

In quella seduta, venne deciso il trasferimento della fabbrica a Cupa Siglia, un’area bonificata per l’impatto ambientale per costruirci il termovalorizzatore, area ubicata nel quartiere Fuorni, e dal momento che il termovalorizzatore appunto non si è fatto più, proposi di spostarci la Fonderia Pisano. E la proposta venne accolta da tutti, all’unanimità.  Quella soluzione, oggi, sarebbe stata la migliore, industria, e operai sarebbero rimasti nel Comune di Salerno.

Inoltre, essendo io anche consigliere comunale, all’epoca dei fatti, proposi di far fare il controllo sui comini con i sindacati. La Proprietà Pisano, poi, garantì cento posti di lavoro se si fosse attuata la delocalizzazione.

A quel punto, sarebbe stato necessario, una volta che c era la disponibilità dell’area, un accordo di programma e una conferenza  di servizi tra regione, provincia e comune. Accordo che non è arrivato.

Al momento, papabile risulta l’area industriale di Battipaglia.

L’indagine successiva della Procura della Repubblica ha prosciolto la Proprietà Pisano dall’accusa di omicidio o di strage per la problematica tumori, e ciò basta a chiudere l’argomento.

I residenti fanno bene ad evidenziare problematiche , ma la cosa deve andare a Napoli, alla Regione, in un tavolo istituzionale.

Nel 2014 l’AIA non era stata rinnovata, adesso è stata rinnovata per i prossimi 12 anni. Perche?

La sostanza tossica non è cancerogena alla fonte, l’ARPAC ha trovato inquinamento delle acque con l escherichia coli, le polveri delle fonderie si confondono con quelle provenienti dalle auto. Ripeto, ci vuole un tavolo di concertazione a livello regionale

Se la fonderia viene dislocata, gli operai non possono spostarsi.

La soluzione ideale rimane Cupa Siglia, a Salerno.

Come mai si è bloccato tutto, termovalorizzatore e dislocazione delle fonderie a Cupa Siglia?

Non saprei, francamente, come mai è andato tutto all’aria, avremmo avuto un immediato miglioramento ambientale per la nostra città.

La Provincia era competente, purtroppo il progetto naufragò. Per me è stata una sconfitta, di più non potevo fare.

Cosa si sente di dire ai residenti?

Ai residenti mi sento di dire che dovrebbero andare ad occupare i cancelli della Regione che dovrebbe istituire un tavolo di conferenza dei servizi per risolvere il problema. Se non si fa l accordo con il territorio ospitante con un piano industriale, non si può parlare di nulla.

Maria Rosaria Voccia

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più
Close