CronacaNews

Salerno saluta il nuovo Arcivescovo, Monsignor Andrea Bellandi

"Dall‘Arno all‘Irno"

Il nuovo Arcivescovo di Salerno, ordinato oggi a Salerno, nel Duomo, e‘ Andrea Bellandi, di origini fiorentine

“Dall‘Arno all‘Irno”, Mons. Bellandi e‘ stato salutato gioiosamente dalla gente e dalle autorita‘

Presenti 282 sacerdoti, 50 vescovi dalla Campania, dalla Toscana e da altre regioni, e 4 cardinali: oltre al cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze, e al cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, che hanno impartito l’ordinazione a mons. Bellandi insieme all’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro,  anche il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della CEI, e il cardinale Renato Raffaele Martino, originario della diocesi di Salerno.

Il cardinale Betori ha sottolineato l‘importanza della imposizione delle mani: “Segno del dono dello Spirito Santo e della continuità del Ministero Episcopale della Chiesa. Fedeltà alla successione apostolica, annuncio evangelico, custodia del deposito della fede, comunione ecclesiale sotto la guida del successore di Pietro, cura del popolo cristiano e dei suoi ministri, accoglienza dei poveri, ricerca di quanti sono dispersi, costanza nella preghiera. Sarà questo il tuo esercizio quotidiano, che ti auguro sia sostenuto dalla collaborazione del tuo presbiterio e dall’accoglienza della tua gente. Lo sguardo di Gesù‘, caro don Andrea, che ti ha accompagnato lungo tutta la tua vita, si posa su di te oggi e continuerà ad accompagnarti nei giorni a venire, perché tu possa scoprire la presenza di Dio nel volto di Cristo e in quello della gente a cui oggi ti affidiamo, che, ne siamo certi, già ti accoglie e ti vuole bene”.

 

Dopo la solenne imposizione delle mani, sono stati affidati al nuovo arcivescovo i segni del suo ministero episcopale: l’unzione con l’olio sacro, la consegna del Vangelo (con l’invito ad annunciare la Parola di Dio), dell’anello (segno di fedeltà, integrità della fede e purezza di vita, unione alla Chiesa) della mitra, segno del fulgore della santità e del bastone pastorale, simbolo del ministero di pastore chiamato a guidare il popolo di Dio. A questo punto, nel pieno carico della sua nuova veste, mons. Bellandi si è seduto sulla cattedra, mentre il coro cantava “Ecce sacerdos magnos”, le campane suonavano a festa e i fedeli applaudivano con gioia. Un momento solenne, seguito dal fraterno abbraccio degli altri vescovi.

Tra i fedeli, molti fiorentini che hanno accompagnato l’amico, padre spirituale, professore di teologia mons. Bellandi, e una grande folla di salernitani desiderosi di accogliere e salutare il nuovo arcivescovo. “Sono venuto da lontano, ma non dalla fine del mondo come disse Papa Francesco” ha scherzato mons. Bellandi al suo arrivo. Tra i volontari, molti scout e molti fratelli e sorelle delle Misericordie locali, un segno di legame con quel movimento delle Misericordie nato a Firenze oltre sette secoli fa. Le offerte raccolte durante la celebrazione sono state destinate alla Caritas per le famiglie bisognose.

Oltre all’imam di Firenze Izzedin Elzir, presenti anche gli Imam di Eboli, Laheli e di Battipaglia, Khadharoui. Prima di entrare nella Cattedrale di Salerno, non è mancato un omaggio di mons. Bellandi alla Madonna di Costantinopoli, che i salernitani venerano come la “Madonna benuta dal mare”.

Maria Rosaria Voccia

Fotoreporter Guglielmo Gambardella per Sevensalerno

Bellandi Arcivescovo Salerno

 

 

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Collaboro con varie testate nazionali. Sono organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Check Also

Close
Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più