RubricheSocietà

Salerno: 25 novembre, L’ombra del silenzio

La foto, dal forte impatto visivo, realizzata da Gerry Fezza per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

 

L’ombra del silenzio stringe. Stringe come un abbraccio che fa male. Stringe e reprime. Stringe e piange nelle pieghe della propria fragilità.

Farsi avvolgere dal silenzio significa arrendersi ai soprusi altrui, rimanendo immobili a guardare i pezzi di sé cadere per terra: si diventa deboli e si comincia a credere di poter essere semplicemente i cocci della propria anima dispersi sul pavimento.

Una donna non può essere semplicemente un insieme di frammenti distesi, né deve pagare la condanna di esser donna, perché essere donna non è una condanna.

Essere donna significa vita. Essere donna significa forza. Essere donna significa riuscire a brillare nella propria fragilità. Essere donna è un privilegio e, come tale, merita rispetto. Essere donna significa poterlo essere, senza aver un prezzo da pagare.

Sono queste le riflessioni che hanno ispirato il fotografo Salernitano Gerry Fezza a realizzare per l’associazione Salerno Attiva – Activa Civitas una foto, dal forte impatto visivo, per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

“Gerry ha realizzato una foto incredibile… profonda… scomoda… – commenta Michele Caprio presidente dell’associazione Salerno Attiva  – dalle molteplici letture accumunate tutte dalla sofferenza di chi subisce, spesso in silenzio, una violenza quotidiana fatta non solo di percosse”

Secondo un indagine condotta da Eures, in Italia da gennaio ad ottobre 2018 si sono verificati 106 casi di femminicidio, uno ogni 72 ore, il 7% in meno dello stesso periodo dell’anno scorso.

“Ciò fa ben sperare – prosegue Michele Caprio – ed infatti, la protagonista della nostra foto reagisce fermando la fitta tenda che cerca di opprimerla in un isolamento fatto di piccole ma grandi violenze, dove l’esterno resta alle sue spalle indifferente alla sua personale battaglia quotidiana”.

“La violenza, che sia fisica o psicologica è un velo sottile che ti attraversa la mente e ti distrugge l’anima – aggiunge la protagonista della foto Laura Pero, agente di polizia municipale durante Luci d’Artista – ma tu, donna, grida, non lasciarti sopraffare, reagisci, esci dal tunnel nero e fai sentire la tua voce perchè il silenzio aiuta il carnefice e ciò non devi permetterlo mai. Ricorda solo tu sei la padrona di te stessa”.

Comunicato Stampa

Redazione

 

 

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Collaboro con varie testate nazionali. Sono organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più