Cronaca

Salerno: le celebrazioni del 73° Anniversario del 25 Aprile

Le celebrazioni per il 73°Anniversario della Liberazione a Salerno sono iniziate con la Messa Eucaristica officiata dal Cappellano Provinciale della Polizia di Stato Don Giuseppe Greco. Successivamente sono stati onorati tutti i caduti con la deposizione delle corone d’alloro al Monumento ai caduti, al Monumento ai Marinai ed alla lapide al Partigiano Tenente Ugo Stanzione.

Alla manifestazione erano presenti le massime autorità religiose, civili e militari oltre alle Associazioni combattentistiche e d’arma e le organizzazioni sindacali. In seguito da Piazza Ferrovia si è snodato un corteo che è giunto fino al Palazzo della Provincia dove è stata deposta una corona d’alloro ai piedi della lapide che ricorda le Medaglie d’Oro della Resistenza. La cerimonia si è conclusa con un concerto del Corpo Bandistico “L.Rinaldi” di Giffoni Valle Pian

La sezione di Salerno dell’Anpi – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – invita gli organi di stampa e la cittadinanza tutta a prendere parte alle celebrazioni che si terranno domani, mercoledì 25 aprile 2018, in occasione della giornata in cui ricorre la Festa della Liberazione.

“Crediamo – si legge in una nota Anpi – che la data del 25 aprile non vada vista e vissuta solo come una sterile giornata commemorativa. Crediamo non si tratti di ricordare nostri concittadini, che prima di noi si sono battuti per difendere dei diritti, bensì di mantenere saldi nelle nostre menti proprio i diritti per cui tutti quei nostri concittadini, padri, nonni, zii, componenti di tante delle nostre attuali famiglie, si sono sacrificati. Ciò che va mantenuto vivo è il Motivo che li mosse. #Anpi, #Resistenza, #Partigiani, non possono e non devono essere parole legate a ricordi lontani per i nostalgici, più che mai non devono essere distanti dalle nuove generazioni. Resistere non vuol dire necessariamente lottare contro qualcosa o qualcuno, non si limita ad un atto di contrapposizione. Serve resistere prima a se stessi ogni giorno, Sempre. Resistere alla tentazione di abbracciare fantasmi sociali mai passati. La paura del diverso; il riversamento del disagio sociale su chi è ancora più disagiato; individuare un nemico su cui costruire campagne di odio e repulsione; sono fantasmi sociali che risiedono in ogni comunità, in ogni tempo, e che si nutrono di ignoranza: ignoranza della storia e di ciò che avrebbe dovuto insegnarci; ignoranza del presente, dei diritti su cui esso si fonda e della realtà dei fatti, distorti spesso in nome di quei fantasmi da risvegliare a distrazione da problemi altri.

Resistenza è una necessità continua più che viva e attuale, una pratica quotidiana, un livello di guardia e salvaguardia sociale che non andrebbe mai abbassata. Questo può rendere una società migliore, civile, moderna”.

Redazione

Fotoreporter Guglielmo Gambardella per Sevensalerno

 

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Collaboro con varie testate nazionali. Sono organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più