CronacaNews

Salerno: i Giovani Comunisti contro l’alternanza scuola lavoro

Dopo il “blitz” effettuato al centro commerciale Le Cotoniere a Salerno del 26 dicembre scorso, dopo aver depositato i pacchi di Natale contro le folli spese militari sotto l’albero di Natale di Baronissi il 30 dicembre scorso, continuano le azioni di “disturbo” dei militanti di partito e dei Giovani Comuniste\i (la struttura giovanile di RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA). Questa volta oggi, 6 gennaio, è “toccato” all’albero di Natale in piazza Portanova a Salerno.

Alcuni dei nostri militanti ed iscritti opportunamente vestiti da Befana hanno depositato una “calza” sotto l’albero di Natale insieme a dei “pacchi dono”e successivamente hanno regalato agli studenti e alle studentesse presenti “Lo statuto dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti” ed hanno distribuito ai cittadini presenti un volantino.

Sia il testo di quest’ultimo sia gli slogan scritti sui “pacchi regalo” e sulla “Calza” hanno toccato i temi caldi della scuola. Dalla richiesta di abrogazione della legge Buona Scuola, fino ad arrivare all’abrogazione dell’ alternanza scuola-lavoro. A tal proposito ricordiamo l’infortunio avvenuto il 24 dicembre scorso a Bologna ad uno studente in alternanza scuola – lavoro in cui si feriva gravemente, mentre l’artigiano è purtroppo deceduto. Dobbiamo anche aggiungere che tale “disgrazia” non è la prima e non sarà neanche l’ultima per come è organizzata e concepita l’ alternanza scuola-lavoro. Perché non è che sfruttamento a costo zero senza nessun tipo di  formazione e con una assenza totale di qualità.

La nostra contrarietà l’abbiamo sempre accompagnata con la richiesta della NON  obbligatorietà dell’alternanza scuola lavoro e CON , certi e severi, controlli etici sulle aziende UNITAMENTE alla applicazione dei diritti dello Statuto delle studentesse e degli studenti.

È per noi inammissibile che si trasferiscano centinaia di ore dalla formazione, al lavoro gratuito. Che si obblighino gli studenti a spostarsi dalle scuole alle aziende (dalle quali intanto contestualmente si licenziano i lavoratori), immettendo nei fatti nel mercato del lavoro un milione e mezzo (dicasi 1.500.000)  di persone che forniscono manodopera gratuita.

Con l’alternanza Scuola – Lavoro prevista e resa obbligatoria dalla cosiddetta “Buona Scuola”, la formazione è esclusivamente un allenamento al lavoro gratuito e precario, per di più, obbligatorio per accedere all’esame di maturità. Un’imposizione padronale da svolgere nelle grandi catene da EatItaly a Zara attraversando i McDonald’s, e, come succede, nella città di Salerno essere impiegati come guida turistica nel grande evento delle luci, o nel settore della ristorazione.

Comunicato Stampa Giovani Comunisti Salerno

Redazione

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, autrice del Format Campania in Fiamme: Criticità & Proposte, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Sono progettista culturale, ideatrice di Format, organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più
Close