AmbienteCronacaNewsPolitica

Salerno,cosa ci resta?: Il Porto e il Mare

Il Porto e il Mare 28 Febbraio, Archivio di Stato

Il porto e il Mare, Salerno cosa ci resta entra nel vivo delle questioni economiche che riguardano la città e il territorio. L’iniziativa promossa da Italia Nostra, Figli delle chiancarelle, Forum Cultura Salerno all’Archivio di Stato, affronterà giovedì 28 i temi complessi che riguardano due pilastri dell’economia salernitana, aree nevralgiche che presentano non pochi aspetti di discussione: dalla trasformazione del porto all’inquinamento delle acque, all’erosione costiera. Ne parleranno, con l’introduzione di Federico Marra, i professori Vincenzo Naddeo docente di Ingegneria Civile dell’Università d Salerno, Enzo Pranzini, professore di Dinamica e Difesa dei Litorali presso l’Università di Firenze, i geologi Alessio Valente e Alberto Alfinito, Giancarlo Chiavazzo, del Direttivo Regionale di Legambiente Campania; Dario Giorgio Pezzini, collaboratore del Gruppo Nazionale di Ricerca sull’Ambiente costiero e Alfonso Amoroso in rappresentanza dei balneatori. La centralità di queste due importanti risorse ha generato negli anni dibattiti e confronti anche aspri su come conciliare economia, ambiente e vivibilità della città e del territorio. Dalla trasformazione e delocalizzazione del Porto Commerciale che per molti rappresenta una presenza ingombrante ed inquinante collocata tra il centro urbano e la costiera, patrimonio dell’UNESCO. Da decenni si parla di una delocalizzazione del porto commerciale convertendo l’attuale porto ad uso turistico e utilizzando gli spazi portuali per servizi e cantieri per diporto; una opzione al momento del tutto accantonata mentre il mantenimento dell’attuale porto commerciale apre la controversa questione dei collegamenti, del traffico concentrato sul viadotto Gatto e dei lavori del Porta Ovest e anche questo aspetto vede contrapposti gli ambientalisti ed altri settori a fronte di lavori più volte interrotti e dal notevole impatto sull’ambiente. Non mancano i problemi di dragaggio perché la piena funzionalità del porto è garantita solo da una adeguata profondità dei fondali e anche questa attività vede contrapposte due posizioni tra chi la ritiene dannosa e chi invece la considera un’opportunità per utilizzare la sabbia estratta per il ripascimento delle spiagge della costa salernitana. Il discorso sul Mare, principale risorsa ambientale del nostro territorio, non può escludere la grande questione dell’inquinamento delle acque, la cui qualità è costantemente definita inquinata dal report di Goletta Verde di Legambiente. A definire pessima la qualità delle acque è anche la relazione ambientale del Grande Progetto di Risanamento dei Corpi Idrici della Provincia di Salerno che ha l’ambizione di eliminare le fonti di inquinamento attraverso il potenziamento dei depuratori, largamente insufficienti, e della rete fognaria dei comuni della provincia. Il progetto ammonta a circa 90ML di euro, è diviso in 8 comparti e coinvolge 45 comuni della provincia. Pur essendo stati aggiudicati i diversi bandi nel 2017, al momento il progetto è stato realizzato solo in piccola parte e non si conoscono i tempi per il suo completamento. Non mancano infine le questioni relative all’erosione costiera: sono decenni che si assiste all’arretramento della linea di costa salernitana e il dibattito sulle possibili soluzioni si è animato con un ulteriore intervento: il Grande Progetto per la Difesa e Ripascimento del Litorale di Salerno predisposto dalla Provincia che interessa il tratto di costa da Pontecagnano a Capaccio che presenta molti limiti e rischi ambientali. Molti i temi sul tavolo il 28 febbraio, un ricco dossier di argomenti che riguardano il futuro della nostra provincia.

Redazione

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Collaboro con varie testate nazionali. Sono organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più