CulturaGustoNews

Cetara, Salerno: lo Chef pluristellato Massimo Bottura diventa “Amico di Cetara”

Omaggiato con una scultura in ceramica vietrese raffigurante una metafora dei suoi piatti

E’ stato accolto calorosamente dall’intera amministrazione del Comune di Cetara, Massimo Bottura, head chef dell’Osteria Francescana di Modena, ricevendo la nomina di “Amico di Cetara”, durante la cerimonia avvenuta, ieri, presso la Sala Consiliare. Un riconoscimento che, a partire dal 2011, le istituzioni rivolgono ad artisti, personaggi, cultori, letterari e giornalisti i quali, nel corso del tempo, hanno dimostrato un particolare legame al territorio, attraverso contributi di promozione del borgo cetarese. A consegnare la targa che assegna il titolo, il Sindaco di Cetara Fortunato Della Monica, visibilmente orgoglioso di ospitare nella casa comunale il premio Oscar della gastronomia italiana, riconosciuto in tutto il mondo.

L’Omaggio in ceramica

Realizzato dal noto Maestro dell’arte ceramica vietrese Vincenzo Santoriello, in collaborazione con Ferdinando Ambrosino, pittore e scultore dei Campi Flegrei, a Bottura è stato dedicato un omaggio in ceramica.

Si tratta di un pezzo unico di arte contemporanea ingobbiata e maiolicata che richiama i colori partenopei, con fasce di colore giallo come l’energia, come il sole, come il limone, raffiguranti una metafora di vitalità, speranza, gioia e futuro. Quel limone, che ritroviamo nel suo famoso piatto “Oops, mi è caduta la crostatina al limone”, è un simbolo di pura poesia.

 Stile minimalista e innovativo

“Una scultura che rappresenta simbolicamente il suo concetto di cucina” – ha spiegato l’assessore al Turismo e alla Cultura di Cetara Angela Speranza” – “Uno stile minimalista, ma soprattutto contemporaneo, dove la tradizione è proiettata al futuro, con elementi sempre innovativi”.

E, se parliamo del connubio di arte e cibo, probabilmente, Massimo Bottura incarna lo chef italiano che, nel suo lavoro, si dedica esplicitamente al valore artistico. Alla grande creatività, inoltre, lo chef pluristellato accompagna il forte legame con le proprie origini, espresso con la scelta degli ingredienti. “Dobbiamo cercare di proiettare il meglio del passato, filtrato da un pensiero critico e mai nostalgico, nel futuro..” – ha affermato Bottura. “Rientrerò  nel mio laboratorio di idee, carico di sapori veri ed autentici, con la promessa di ritornare in questo magico luogo, per festeggiare il traguardo del marchio DOP”.

Oltre alla scultura, l’head chef ha ricevuto un cesto di prodotti del territorio, omaggiato dall’associazione per la valorizzazione della colatura di alici DOP, presieduta da Lucia Di Mauro.

A seguire, presso il ristorante Al Convento di Cetara, insieme allo chef di casa Pasquale Torrente, con lo chef stellato Gennaro Esposito, Massimo Bottura è stato protagonista di una cena a quattro mani finalizzata alla raccolta fondi a sostegno delle attività di Food for Soul, associazione no-profit creata da Bottura e la moglie Lara Gilmore, per combattere lo spreco alimentare nell’interesse dell’inclusione sociale.

Dal 2015, la Onlus collabora con diverse organizzazioni per aprire e gestire mense comunitarie in tutto il mondo, coinvolgendo professionisti di diversi settori, tra cui chef, artisti, designer e distributori alimentari, al fine di promuovere un approccio alternativo alla costruzione di progetti comunitari.

Redazione

Tags

Maria Rosaria Voccia

Giornalista, editore e direttore responsabile di www.sevensalerno.it e di www.7network.it. Storico dell'Arte, sono cittadina del mondo, amo la vita, l'arte, il mare, i gatti... Esperta in giornalismo eco ambientale, tecnico di ingegneria naturalistica, mi impegno nelle e per le campagne eco ambientaliste perché desidero un mondo migliore, per noi e per i nostri figli. Collaboro con varie testate nazionali. Sono organizzatrice e curatrice di eventi.

Related Articles

Back to top button

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più