AmbienteCronacaNews

Giffoni Valle Piana: sulla discarica Sardone la polemica tra i 5Stelle e la Provincia

Canfora: "Polemica strumentale"

“Grazie al nostro tempestivo grido d’allarme, a cui abbiamo fatto seguire due interrogazioni, l’una alla Regione e l’altra al Governo siamo riusciti a bloccare nuovi conferimenti di rifiuti nella discarica Sardone a Giffoni Valle Piana. Sarebbe stato un paradosso riaprire un sito come quello di Sardone compreso nel piano bonifiche, e rispetto al quale non sono state neppure avviate le indagini per valutare il grado di pericolosità. Né risulta che siano state condotte indagini preliminari propedeutiche alla bonifica. Si rischiava di depositare rifiuti in un pozzo di veleni”. Esultano il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano e la deputata M5S Anna Bilotti.

Il presidente della Provincia di Salerno, Canfora, ha revocato l’ordinanza,  ma ha tenuto a precisare : “I Cinque Stelle non sanno nemmeno cosa sia il ciclo integrato dei rifiuti. Si informino prima di parlare. La loro è soltanto una polemica strumentale. Ho firmato quell’ordinanza a fronte di una situazione di emergenza, dato il blocco dello Stir di Battipaglia ma soprattutto il guasto ad una linea del termovalorizzatore di Acerra che ha messo in tilt e in ginocchio quasi tutti i comuni della provincia salernitana. Una soluzione andava trovata. I rifiuti nelle strade andavano tolti perché la situazione rischiava di degenerare. E quella di Sardone non è una discarica, ma un sito di stoccaggio e di compostaggio. In ogni caso lì arrivano rifiuti già trattati. Nel frattempo ho revocato l’ordinanza non per l’interrogazione dei Cinque Stelle ma perché l’emergenza sta rientrando. I rifiuti non devono stare in strada, soprattutto in questo periodo. Per il resto lavoreremo affinché non si verifichino più casi del genere”.

Redazione

Tags
Mostra altri

Articoli correlati

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più