CronacaNews

Salerno: i Giovani Comunisti contro l’alternanza scuola lavoro

Dopo il “blitz” effettuato al centro commerciale Le Cotoniere a Salerno del 26 dicembre scorso, dopo aver depositato i pacchi di Natale contro le folli spese militari sotto l’albero di Natale di Baronissi il 30 dicembre scorso, continuano le azioni di “disturbo” dei militanti di partito e dei Giovani Comuniste\i (la struttura giovanile di RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA). Questa volta oggi, 6 gennaio, è “toccato” all’albero di Natale in piazza Portanova a Salerno.

Alcuni dei nostri militanti ed iscritti opportunamente vestiti da Befana hanno depositato una “calza” sotto l’albero di Natale insieme a dei “pacchi dono”e successivamente hanno regalato agli studenti e alle studentesse presenti “Lo statuto dei diritti e dei doveri delle studentesse e degli studenti” ed hanno distribuito ai cittadini presenti un volantino.

Sia il testo di quest’ultimo sia gli slogan scritti sui “pacchi regalo” e sulla “Calza” hanno toccato i temi caldi della scuola. Dalla richiesta di abrogazione della legge Buona Scuola, fino ad arrivare all’abrogazione dell’ alternanza scuola-lavoro. A tal proposito ricordiamo l’infortunio avvenuto il 24 dicembre scorso a Bologna ad uno studente in alternanza scuola – lavoro in cui si feriva gravemente, mentre l’artigiano è purtroppo deceduto. Dobbiamo anche aggiungere che tale “disgrazia” non è la prima e non sarà neanche l’ultima per come è organizzata e concepita l’ alternanza scuola-lavoro. Perché non è che sfruttamento a costo zero senza nessun tipo di  formazione e con una assenza totale di qualità.

La nostra contrarietà l’abbiamo sempre accompagnata con la richiesta della NON  obbligatorietà dell’alternanza scuola lavoro e CON , certi e severi, controlli etici sulle aziende UNITAMENTE alla applicazione dei diritti dello Statuto delle studentesse e degli studenti.

È per noi inammissibile che si trasferiscano centinaia di ore dalla formazione, al lavoro gratuito. Che si obblighino gli studenti a spostarsi dalle scuole alle aziende (dalle quali intanto contestualmente si licenziano i lavoratori), immettendo nei fatti nel mercato del lavoro un milione e mezzo (dicasi 1.500.000)  di persone che forniscono manodopera gratuita.

Con l’alternanza Scuola – Lavoro prevista e resa obbligatoria dalla cosiddetta “Buona Scuola”, la formazione è esclusivamente un allenamento al lavoro gratuito e precario, per di più, obbligatorio per accedere all’esame di maturità. Un’imposizione padronale da svolgere nelle grandi catene da EatItaly a Zara attraversando i McDonald’s, e, come succede, nella città di Salerno essere impiegati come guida turistica nel grande evento delle luci, o nel settore della ristorazione.

Comunicato Stampa Giovani Comunisti Salerno

Redazione

Tags
Mostra altri

Articoli correlati

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più