ItinerariSitiTurismoViaggi

La Costiera Cilentana

Paestum. I Templi

Fondata dai coloni greci nel VI secolo A.C., l’antica Poseidonia, Paestum per i Romani, è tuttora uno dei maggiori centri internazionali di turismo archeologico, ma il suo litorale dai bassi fondali rappresenta anche l’inizio della costiera cilentana che, a partire dalla sponda sinistra del fiume Sele, si estende fino a Marina di Camerota, se vogliamo considerare Scario, Policastro e Sapri più appartenenti alla fascia costiera del Vallo di Diano.

Paestum. Zona Laura

Un tratto di costa che, per gli amanti del mare, rappresenta un vero e proprio angolo di Paradiso. Fortemente connotata dal punto di vista naturalistico, la Costiera Cilentana sta lentamente recuperando il gap con la più celebre Costiera Amalfitana in termini di ricettività e offerta di servizi turistici, e tutto ciò contribuisce ad alimentare il suo fascino di territorio ancora scarsamente antropizzato. Qui natura, storia e archeologia si fondono in un insieme unico al mondo, regalando al viaggiatore un’esperienza di straordinaria suggestione. Paestum con gli scavi archeologici e le spiagge di sabbia dorata; Agropoli con il Castello Aragonese, Trentova e le baia dei Trezeni;

Agropoli
Agropoli. Il Castello Aragonese
Agropoli. Baia di Trentova
Agropoli. Baia dei Trezeni

Castellabate con i borghi marinari di Santa Maria e San Marco;

Santa Maria di Castellabate
Santa Maria di Castellabate. La spiaggia grande
Santa Maria di Castellabate. Il Pozzillo

Ogliastro e Punta Licosa con la sua riserva marina;

Punta Licosa

Acciaroli con le sue spiagge meravigliosamente ventilate;

Acciaroli. Spiaggia di Mezzatorre

Ascea marina e il Parco Archeologico di Velia;

Ascea Marina. La spiaggia
Elea-Velia. Gli scavi archeologici

Capo Palinuro con le sue bellissime grotte marine, il borgo fantasma di San Severino di Centola;

Palinuro. Grotta marina
Palinuro. Grotta marina

Cala d’Arconte e Marina di Camerota con la stupenda Baia degli Infreschi.

Marina di Camerota. Baia Infreschi

Non esiste posto al mondo dove siano concentrati così tanti scenari naturali di eccezionale bellezza, luoghi che hanno visto nascere miti e leggende che si perdono nella notte dei tempi, che parlano di eroi, di navigatori, di civiltà che hanno lasciato testimonianze imponenti dell’opera dell’uomo la cui bellezza e perfezione compete con quella della natura che le circonda. Fortemente consigliata una escursione in barca alla scoperta sia delle grotte che delle riserve naturali marine. Per gli amanti delle escursioni e del trekking, tra costa e zone interne, c’è solo l’imbarazzo della scelta: dalla visita ai borghi fantasma (San Severino di Centola e Roscigno vecchia),

San Severino di Centola
Roscigno vecchia

alle lunghe passeggiate su sentieri collinari che conducono a spiagge meravigliose (la via dei Trezeni, Punta Infreschi); dalle passeggiate a cavallo nel Parco del Cilento alle escursioni in canoa nelle Gole del Calore a Felitto.

Le Gole del Fiume Calore

Lello Cicalese

Tags
Mostra altri

Articoli correlati

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Leggi di più